Piazza dei martiri, Napoli

Piazza dei martiri, Napoli

Ads

Chiaia è tra i quartieri più eleganti di Napoli ed è il luogo ideale per lo shopping e le passeggiate. Percorrendo queste strade, ci ritroviamo nell’accogliente spazio di Piazza dei Martiri e ci fermiamo ad osservare la statua che la domina. Il monumento ha un alto valore simbolico perché rappresenta il coraggio, il sacrificio e la lotta per la libertà.

Anni fa la piazza era denominata Largo di Santa Maria a Cappella Nuova. La struttura odierna fu voluta da Ferdinando II di Borbone che, nella seconda metà del IX secolo, ne affidò la restaurazione all’architetto Enrico Alvino, volendo dedicare una strada ai caduti dei Moti del 1848. Dopo la morte di Ferdinando II (1859), il sindaco Andrea Colonna, decise di portare a termine il progetto e far diventare Piazza dei Martiri il simbolo del coraggio e della volontà di riscatto.

Il centro della piazza è occupato da una colonna, risalente al periodo borbonico, quando la piazza aveva il nome di Piazza della Pace. In cima alla colonna c’è una statua alata, progettata dall’architetto Emanuele Caggiano che simboleggia la “virtù dei martiri” e alla cui base si trovano quattro leoni che rappresentano i martiri napoletani di diverse epoche storiche.

Il leone morente

Rappresenta i caduti della repubblica Partenopea del 1799. Fu realizzato da Antonio Busciolano.

Il leone trafitto da una spada

Simboleggia i caduti dei Moti carbonari del 1820 e fu realizzato da Stanislao Lista.

Il leone sdraiato

Sotto la zampa mantiene lo Statuto del 1848 ed è dedicato ai martiri napoletani caduti durante i Moti del 1848. È opera di Pasquale Ricca.

Il leone in piedi

Con la sua preda, è dedicato ai caduti del periodo garibaldino, del 1860. È stato scolpito da Tommaso Solari.

Sulla colonna, alle spalle del leone in piedi, c’è una targa:

“Alla gloriosa memoria dei cittadini napoletani che
caduti nelle pugne o sul patibolo
rivendicarono al popolo la libertà di proclamare con patto solenne ed eterno
il plebisicito del XXI ottobre MDCCCLX
Il Municipio consacra”

Ads

Titty Illiano

Ama raccontare Napoli, che è la sua città, e crede che scrivere di Napoli sia uno dei modi per contribuire alla valorizzazione del territorio. Ha collaborato a varie edizioni delle manifestazioni culturali napoletane “Maggio dei Monumenti”, “Estate a Napoli” e “Natale a Napoli”. Oltre che per la scrittura, ha una grande passione per la musica ed è redattrice per la sezione musicale presso la testata giornalistica online “Socialperiodico”.

Cosa ne pensi?

Scrivilo in un commento