Tuffi dalle altezze in Costiera Marmeeting 2017 a Furore

Tuffi dalle altezze in Costiera Marmeeting 2017 a Furore

Ads

31° MarMeeting 2017: tornano i tuffi dal Fiordo

Riparte la competizione più scenografica del mondo.

Domenica 16 luglio alle ore 14.30, la Costiera Amalfitana diventa assoluta protagonista di sport e spettacolo con il Campionato Mondiale dei tuffi dalle grandi altezze.

Tuffi da grandi altezze a Furore: Marmeeting 2017

Le telecamere di Rai Sport riprenderanno in diretta le acrobazie dei superman dell’acqua: tuffatori provenienti da ogni parte del mondo si sfideranno in una gara dall’alto coefficiente di difficoltà lanciandosi da un’altezza di 28 metri, a picco sul mare, dove la velocità di punta durante la caduta sarà di 100 Km/h.

Un evento spettacolare che potrà essere seguito sia da terra che da mare per ammirare le evoluzioni acrobatiche che caratterizzano questa affascinante competizione, giunta alla sua 31° edizione.

La location sarà ancora una volta il suggestivo Fiordo di Furore dove quindici atleti terranno il pubblico con il fiato sospeso lanciandosi dalla pedana posizionata all’altezza del ponte stradale, per conquistare la Mediterranean Cup di tuffi dalle grandi altezze e strappare il titolo di campione all’inglese Gary Hunt.

A giudicare le prestazioni dei tuffatori ci saranno cinque giudici mentre un sesto sarà in postazione Rai per fornire il commento tecnico per la diretta tv.

“In altre parti del mondo i tuffatori sono eroi nazionali, qui si calano in una dimensione che resta familiare” spiega Oreste Varese, ideatore ed organizzatore del Marmeeting, che ha voluto questo sin dalla prima edizione: “è un’emozione continua” afferma “Furore è l’Acapulco d’Europa e anche quest’anno ospiterà il meglio a livello mondiale. Il nostro progetto è diretto a una platea di appassionati del mare che desiderano trascorrere le vacanze attivamente, partecipando a spettacoli, visite guidate e rassegne enogastronomiche. Non è un caso che Marmeeting preveda un sistema di attività coordinate per far conoscere la storia e le bellezze naturali del territorio, organizzato con una vasta rete di operatori turistici”.

Competizione sportiva quindi, ma anche amore per il mare e desiderio di diffondere la cultura del rispetto delle risorse marine senza dimenticare l’aspetto turistico, perché gli alberghi anche grazie a questo evento sono pieni.

“Insomma, con questo spirito siamo nati e questa strada continueremo a percorrere, nonostante un periodo economico complesso” conclude Varese e grazie al suo impegno i tuffi dalle grandi altezze, a partire dal 2020, saranno a tutti gli effetti una disciplina olimpica.

Sabato 15 luglio alle ore 14:30 gli atleti faranno dei tuffi di prova per valutare l’incidenza del sole e prendere confidenza col posto.

Paesaggi mozzafiato, mare cristallino, ottima cucina ed eventi imperdibili, Furore offre questo e molto di più e questo week end avrete una ragione in più per visitare la Costiera Amalfitana, assolutamente da non perdere!

Ads

Sara Angrisani
Fanatica della vita per natura, giornalista professionista per vocazione, content editor per inclinazione. Da sempre lavoro nella comunicazione collaborando con le principali testate web e televisive nazionali, fino ad approdare al digital marketing e media content. Capace di blaterare all' infinito, sono convinta che l’ironia salverà il mondo.

Cosa ne pensi?

Scrivilo in un commento