Napoli durante le festività natalizie: potresti incontrare gli zampognari!

Zampognari

Zampognari

Ads

Camminando per le strade di Napoli durante le festività natalizie, con un po’ di fortuna, potremmo incontrare gli zampognari ed essere catturati dalla loro musica.
Lo zampognaro è colui che suona la zampogna, esibendosi nelle tradizionali canzoni natalizie e nelle novene: musiche semplici di origini antichissime da sempre considerate di buon auspicio.
Gli zampognari sono figure importantissime della tradizione natalizia e folkloristica campana e di molte altre zone del Centro e del Sud Italia come Molise, Abruzzo, Lazio, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia.

La zampogna

                         
zampogna

La zampogna è uno strumento musicale a fiato costituito da un otre di pelle animale (capra o pecora) in cui sono innestate canne sonore di legno. La sacca si gonfia e il musicista può riprendere fiato ogni volta: il suono non viene mai interrotto.
La zampogna è simile alla cornamusa ma non va confusa con essa: le differenze riguardano il numero di canne melodiche e la provenienza geografica. La zampogna è caratteristica del Sud Italia e presenta almeno due canne melodiche: una per la melodia e l’altra per le note di accompagnamento. La cornamusa, invece, appartiene alla cultura del Nord Europa e ha una sola canna melodica.
Generalmente, gli zampognari si esibiscono in coppia: uno suona la zampogna, l’altro la ciaramella (uno strumento a fiato simile all’oboe, ma composto di canne).

Storia e origini della zampogna e degli zampognari

zampognari storia

La zampogna è considerata una variazione del flauto di Pan, il dio metà uomo e metà capra. Si diffonde nell’Italia centro-settentrionale sin dall’antichità: l’“utriculus” (lo strumento che l’ha anticipata) era spesso suonato nell’antica Roma, alla corte dell’imperatore Nerone.
Nella seconda metà del ‘700, la zampogna si diffuse a Napoli, divenendo l’accompagnamento musicale delle preghiere dell’avvocato-prelato Alfonso Maria de’ Liguori, il quale creò gruppi canori composti da “lazzari” (giovani napoletani dei ceti popolari): essi cantavano per i vicoli della città e lui insegnava loro la dottrina cristiana.
Alfonso Maria de’ Liguori è l’autore di “Quanno nascette Ninno”, antecedente versione napoletana della popolarissima canzone natalizia italiana “Tu scendi dalle stelle”, ancora oggi suonata da tutti gli zampognari. 

 

Il mondo pastorale e rurale

Lo zampognaro è anche una figura appartenente al mondo pastorale e rurale: i pastori, durante la transumanza, suonavano spesso la zampogna e, durante il periodo di Natale, si spostavano nelle città e suonavano per le strade e nelle case delle persone. Indossavano i classici abiti da pastore: giubbotto di montone, mantello, cappello di velluto e “zaricchie” (sandali caratteristici). Tuttora, nelle zone rurali di molte regioni dell’Italia centro-meridionale, gli zampognari suonano durante tutto l’anno in occasione di feste, processioni e avvenimenti quali nascite e matrimoni.

 

Gli zampognari nel presepe napoletano

zampognari nel presepe

Tra i personaggi fissi del presepe napoletano c’è sempre la coppia di zampognari: questo dimostra che lo zampognaro è una figura fondamentale della tradizione natalizia napoletana. Sono posizionati di fronte alla grotta per celebrare la nascita di Gesù Bambino.

 

Gli zampognari oggi

Sebbene siano molti di meno rispetto a un tempo, ancora oggi gli zampognari si aggirano per la città di Napoli, tra i vicoli del centro storico e non solo, attirando l’attenzione di cittadini e turisti con una dolce melodia, connotata anche da un velo di nostalgia.

Ads

Titty Illiano

Ama raccontare Napoli, che è la sua città, e crede che scrivere di Napoli sia uno dei modi per contribuire alla valorizzazione del territorio. Ha collaborato a varie edizioni delle manifestazioni culturali napoletane “Maggio dei Monumenti”, “Estate a Napoli” e “Natale a Napoli”. Oltre che per la scrittura, ha una grande passione per la musica ed è redattrice per la sezione musicale presso la testata giornalistica online “Social Periodico”.

Cosa ne pensi?

Scrivilo in un commento