La pasta alla carbonara a Napoli

Se si pensa ad uno dei piatti più conosciuti della cucina italiana, la pasta alla carbonara, tutti (o quasi) direbbero che bisognerebbe ringraziare i romani per questa invenzione, ma tutti (o quasi) si sbaglierebbero. Infatti pare che alcuni documenti storici facciano risalire l'origine della celebre pasta alla carbonara, nientemeno che, alla città di Napoli.

Ma scopriamo perchè la pasta alla carbonara è nata a Napoli.

La motivazioni storiche della cucina napoletana

Tra le motivazioni che assecondano la teoria per la quale la pasta alla carbonara è nata a Napoli ci sono sicuramente alcuni trattati storici sulla cucina napoletana e romana. Nel 1837 Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino, pubblicò a Napoli il suo trattato "La cucina teorico-pratica", nel quale erano presenti tutti i piatti che all'epoca venivano consumati a Napoli e tra i quali c'era già un rudimentale esperimento di pasta alla carbonara, che al netto del guanciale, presentava lo stesso processo di preparazione. Inoltre nel 1929 veniva pubblicata a Roma "La Cucina romana" di Ada Boni, nel quale però non si fa cenno ad alcuna ricetta simile alla pasta alla carbonara. 

Queste due motivazioni sembrano essere una prova incofutabile dell'origine partenopea della pasta alla carbonara.

La storia della nascita della carbonara a Napoli

Un'altra prova sembra risalire invece al periodo della seconda guerra mondiale quando alcune osterie nel porto di Napoli presentavano tra i loro menù un piatto simile alla carbonara. La motivazione è molto semplice e fa riferimento alla celebre "razione K" che si portavano dietro i soldati americani, che consisteva in uova liofilizzate e bacon, probabilmente alcuni soldati, stufi di mangiare la pasta scondita che servivano gli spaghettari, hanno provato a renderla più saporita aggiungendo gli unici ingredienti che avevano con sè e che poi gli osti del porto hanno reso proprio per accontentare la loro clientela.

Queste ragioni sembrano essere la prova definitiva che la pasta alla carbonara, sia nata qui a Napoli, non ce ne vogliano i nostri amici romani che hanno saputo esaltare, far proprio e far conoscere nel mondo uno dei piatti simbolo della cucina italiana, ma ciò dimostra ancora una volta la centralità di Napoli nella storia d'Italia.