Napoli è un luogo magico, una città dalla ricchezza unica capace di coniugare al suo interno storia, bellezza, cultura e sapori. Dal cibo all'arte, passando per il mare e il suo eterno fascino, scegliere di venire qui è sempre un'idea fantastica, a prescindere dalle stagioni. A maggior ragione se si concedono più giorni alla vacanza, trascorrendo così almeno 5 giorni a Napoli. 

Portarsi avanti nei siti artistici e culturali tra prenotazioni e promozioni è fondamentale in città così piene di richieste com'è effettivamente Napoli. Ecco dunque che subentriamo noi, offrendovi il più utile aiuto possibile consigliandovi l'arma preziosa del Naples Pass da 5 giorni per visitare Napoli. Trattasi di un pass che offre l'accesso gratuito e/o sconti in più di 100 attrazioni. Non importa a quale target tu appartenga, che tu sia amante dell'arte, del cibo, della storia: Napoli è sempre la scelta giusta.

Cosa fare a Napoli in 5 giorni

Visitare Napoli in 5 giorni non è affatto facile, vista l'incredibile vastità di opzioni che la città offre ai turisti in visita, curiosi di scoprirla e viverla. Proviamo a fare una minuziosa scelta riducendo il campo di ricerca il più possibile ottimizzando tempi e spazi. Partiremmo da un primo giorno di full immersion nel centro storico, partendo alla scoperta dei Quartieri Spagnoli e di Spaccanapoli

Dal centro è facile raggiungere poi Capodimonte passando per il Rione Sanità, ammirando così il Museo e il bosco omonimo. Il secondo giorno lo dedicheremmo interamente alla scoperta dei principali patrimoni artistici della città, partendo dal Museo Archeologico Nazionale e arrivando poi alla Cappella di Sansevero per ammirare il Cristo Velato. Rimanendo in tema (e in zona), ci inseriamo anche la visita a Napoli Sotterranea, luogo dal fascino eterno tutto da scoprire. 

Dall'estetica artistica passeremmo poi a quella naturale, districandoci tra Posillipo e Mergellina, gemme chic ed eleganti della città. Non dimentichiamo poi la possibilità di spostarci anche via mare potendo contare di isole meravigliose quali Procida, Ischia e Capri, posti meravigliosi contornati da un mare cristallino. Chiosa finale su quello che è forse il maggior simbolo di Napoli: il Vesuvio.

Giorno 1

Il primo giorno del tuo viaggio a Napoli partirà con la scoperta di due zone iconiche del centro della città: i Quartieri Spagnoli e Spaccanapoli. Sono i luoghi dove probabilmente si respira maggiormente la napoletanità in tutta la sua essenza, pertanto è opportuno partire da qui per poi vivere appieno Napoli. I Quartieri Spagnoli sono ormai iconici anche e soprattutto per il "Murales di Maradona", dove accorrono appassionati e devoti in "pellegrinaggio" da tutto il mondo per rendere omaggio al Pibe de Oro. 

Da qui è facile giungere a Spaccanapoli e tagliare il centro storico passando per via Toledo, la storica via napoletana dedicata allo shopping e allo street food locale. Tra i vari step, si passa per piazza del Gesù dove c'è l'omonima chiesa, molto interessante e assolutamente da darci uno sguardo. Non solo, ci troviamo tra gli altri a soli 10 minuti da San Gregorio Armeno, la storica via dei presepi. A circa 800 m da lì è possibile prendere il pullman per dirigerci verso l'altra tappa del giorno: Capodimonte

A Capodimonte troviamo l'omonima reggia e il celebre Museo e Real Bosco di Capodimonte, uno dei siti artistici più importanti di Napoli. La reggia che fu fatta costruire nel 1738 dal Re Carlo di Borbone che, al suo interno, custodiva, e custodisce tutt'oggi, la collezione della madre Elisabetta Farnese. Si tratta di un'opera architettonica magnifica che contiene al suo interno capolavori tra gli altri di Raffaello, Tiziano, Correggio e Parmigianino. Il Real Bosco di Capodimonte è invece la zona verde più grande di Napoli, luogo ideale per respirare aria fresca, passeggiare, fare jogging e gustosi picnic. 

Giorno 2

Il secondo giorno a Napoli è ancora all'insegna dell'arte e della cultura dedicandoci alla scoperta di altri patrimoni artistici, orgoglio della città e dell'intera Italia. Partiamo con Napoli Sotterranea, luogo cult tutto da vedere. I diversi percorsi agibili ci riportano indietro di due millenni, mentre con manufatti e lavori artigianali possiamo arrivare quasi all'età preistorica. Una delle cose imperdibili negli scavi è la fitta rete di cunicoli costruiti durante la Seconda guerra mondiale come rifugio per la popolazione durante i bombardamenti. 

Ci spostiamo poi verso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), altra gemma napoletana, anch'esso incluso tra i vantaggi del Naples Pass. Parliamo di uno dei musei più importanti al mondo, situato proprio nel cuore della città. Qui è possibile trovare una straordinaria collezione di reperti dell'antichità greca e romana, oltre a pezzi significativi delle civiltà egizia ed etrusca. Uno dei gioielli del MANN è la Collezione Farnese, costituita da sculture, gemme e manufatti che un tempo appartenevano alla potente famiglia Farnese. Tra i pezzi più celebri spicca il Toro Farnese

Terminato il viaggio all'interno del MANN, a circa 1 km a piedi troviamo un altro luogo iconico della città, perché di un'opera eterna e famosa in tutta il mondo: la Cappella Sansevero. Chiaramente il capolavoro di cui parliamo è il "Cristo Velato", la celeberrima scultura in marmo di Giuseppe Sanmartino datata 1753. L'opera raffigura Cristo morto, coperto da un velo traslucido scolpito nel marmo stesso. La maestria tecnica di Sanmartino nel creare l'effetto del velo ha suscitato un'ammirazione e una meraviglia tali da rendere il "Cristo Velato" una delle sculture più ammirate e studiate al mondo. 

Giorno 3

Niente cultura per il tuo terzo giorno a Napoli, ci concentriamo sulle bellezza paesaggistiche che la città offre respirando due delle zone più belle ed eleganti. Partiamo da Posillipo, luogo dall'alto tasso di romanticismo visti i suoi panorami con vista sul golfo di Napoli da perderci il fiato. Tra via Petrarca e via Posillipo, oltre alle 13 discese di Sant'Antonio nei pressi dell'omonima chiesa, sono così tante le vie tutte da percorrere con la vista verso l'orizzonte. 

Se la giornata lo permette, e dunque la temperatura è bella alta, organizzarsi per andare al mare alla Gaiola è d'obbligo. Si tratta di un posto perfetto per una toccata e fuga in spiaggia vista la sua gratuità pur essendo un'autentica gemma della città. Se invece la giornata è bella ma non troppo calda, diventa perfetta per passeggiare all'interno del Parco Virgiliano, uno dei parchi più belli dell'intera regione. Che sia al mattino o al tramonto, visitare questo bellissimo spazio verde è sempre una scelta perfetta. 

Da Posillipo la zona più facile da raggiungere è senza dubbio Mergellina, sempre restando nella ricerca della bellezza e delle meravigliose viste.  Difatti, è possibile arrivarci sia a piedi, sebbene sia una bella camminata, sia in pullman, col 140 molto comodo da prendere. Qui la combo perfetta è senza dubbio passeggiata sul lungomare più giro all'interno della Villa Comunale, celebre e storico parco cittadino. Da lì poi è quasi naturale scegliere uno dei tanti ristoranti con vista mare presenti. 

Giorno 4

Per il tuo quarto giorno a Napoli abbiamo pensato di approfittare di altre bellezze che la città presenta, stavolta raggiungibili solo via mare. Parliamo delle tre isole più famose del Golfo napoletano: Capri, Ischia e Procida. Sono un vanto della città, tre autentiche perle che attraggono un numero incredibile di turisti da tutto il mondo. Capri è probabilmente la più famosa delle tre, celebre per la sua bellezza mozzafiato e il suo glamour. Tra le attrazioni più iconiche spiccano i Faraglioni, tre imponenti rocce che emergono dal mare, e la sua Piazzetta, il cuore pulsante dell'isola dove godersi un ottimo caffè e ammirare il paesaggio. 

Passiamo poi ad Ischia, ovvero l'isola più grande per estensione delle tre. E' conosciuta soprattutto per le sue terme naturali e i suoi paesaggi rigogliosi, difatti offre numerose sorgenti termali e spa, rendendola una meta ideale per chi cerca relax e benessere. Le spiagge più suggestive sono senza dubbio quella dei Maronti e quella di Sant'Angelo. Sempre a Sant'Angelo troviamo l'omonima baia, caratterizzata da paesaggi meravigliosi a due passi dal mare. Non dimentichiamo poi l'iconico Castello Aragonese, una fortezza medievale su un isolotto collegato a Ischia Ponte da un ponte di pietra.

Chiudiamo con Procida, l'isola più piccola e meno turistica delle tre ma non per questo meno bella e affascinate. Ricordiamo infatti che nel 2022 è stata eletta Capitale Italiana della Cultura, vanto non da poco. Procida è un'isoletta molto caratteristica grazie ai suoi vicoli stretti e ai colori che dipingono le sue casette, conferendole un'atmosfera unica. Tra i punti attrattivi principali troviamo su tutti
Marina Corricella con le sue casette dai colori pastello che si affacciano sul porto. La spiaggia più famosa è senza dubbio quella di Chiaiolella, tranquilla e calma ma allo stesso tempo meravigliosa. 

Giorno 5

Non puoi dire di aver visitato Napoli senza aver ammirato il Vesuvio, probabilmente il simbolo eterno della città. Ecco dunque che il tuo viaggio in città si conclude in bellezza, proprio con la scoperta dell'imponente vulcano. Per perfezionare l'itinerario abbiamo però pensato di includere altri due luoghi iconici ricchi, ricchissimi di storia: gli scavi di Pompei ed Ercolano. Il punto di partenza sarà Pompei, da lì poi ci sposteremo di 16 km giungendo così ad Ercolano. Un'altra mezz'oretta di macchina e sarà poi possibile approdare al Parco Nazionale del Vesuvio. 

Le rovine di Pompei sono estese e comprendono case, templi, teatri, negozi e terme, conservati sotto uno spesso strato di cenere e lapilli. Qui si possono ammirare affreschi, mosaici e sculture che raccontano storie di un passato lontano tutto da riscoprire. Il Foro, l'Anfiteatro e la Casa del Fauno sono solo alcuni dei siti imperdibili. Ercolano è decisamente più piccola, ma altrettanto interessante da visitare, viste soprattutto le antiche ville lussuose come la Casa dei Cervi e la Villa dei Papiri. Non mancano luoghi di vita quotidiana come negozi e terme. 

Giungiamo dunque all'ultima tappa del tuo viaggio a Napoli: il Parco Nazionale del Vesuvio. Istituito nel 1995, si tratta di un'area protetta di straordinaria bellezza e importanza ecologica che si estende intorno al Vesuvio. Questo parco offre un mix unico di storia, natura e geologia, attirando visitatori da tutto il mondo interessati a esplorare sia la maestosità naturale che le tracce del passato. Il parco offre diversi sentieri escursionistici per visitare al meglio il vulcano. Il sentiero più famoso è il numero 5, noto anche come Gran Cono, che è quello che conduce direttamente al cratere del Vesuvio, offrendo viste spettacolari sul Golfo di Napoli, la penisola sorrentina e l'isola di Capri.